Salviamo Firenze - Fermiamo la tramvia
Immagine
 Conoscere per non soccombere!....... di Admin
 
"
"QUALCUNO" per promuovere la TRAMVIA si e' ispirato alla seguente massima: "...SE NON PUOI CONVINCERLI...CONFONDILI!"

Fiorentino DOC
"
 
\\ Home Page : Proposte alternative
Nuova pagina 1

In questa pagine vi proponiamo alcune alternative possibili e sicuramente complessivamente migliori di quelle adottate dall'amministrazione fiorentina per risolvere i problemi del traffico cittadino.

Per prima cosa proponiamo una variante alla Linea 3 messa a punto da architetti che fanno parte del nostro comitato.

Proposta di variante alla Linea 3

Nel sottostante link potete accedere alla pagina che vi presentera' moltissime soluzioni adottate da altre amministrazioni comunali.
http://www.metrotram.it

Tramvia su gomma (filobus)
Questa soluzione ha il grande vantaggio di avere un basso impatto sulle infrastrutture esistenti, puo' viaggiare su percorsi sia protetti che non protetti. In pratica e' un autobus standard mosso da un motore elettrico alimentato da cavi elettrici che si trovano sopra l'autobus. Naturalmente non ha bisogno di rotaie.

La tabella sottostante vi presenta alcune soluzioni adottate in Italia
http://www.cittaelettriche.it/filobus_parco.htm

Allestimento: CAM Bassotto
Telaio: MAN
Equip. El.: ADtranz/Kiepe
Avviamento ad inverter
Trazione bimodale
Tensione 750 V
Lunghezza 18 m
4 porte
Città: Modena
Classificazione: 025-034
Numero di esemplari: 10
Foto: Eduardo Bevere
Allestimento: CAM Bassotto
Telaio: MAN
Equip. El.: ADtranz/Kiepe
Avviamento ad inverter
Trazione bimodale
Tensione 600 V
Lunghezza 18 m
4 porte
Città: Bologna
Classificazione: 1041-1055
Numero di esemplari: 15
Foto: Eduardo Bevere
Allestimento: CAM Bassotto
Telaio: MAN
Equip. El.: ADtranz/Kiepe
Avviamento ad inverter
Trazione bimodale
Tensione 600 V
Lunghezza 12 m
4 porte
Città: Parma
Classificazione: 049-054
Numero di esemplari: 6
Allestimento: AnsaldoBreda
Telaio: F 19
Equip. El.: Ansaldo
Avviamento ad inverter
Trazione bimodale
Tensione 750 V
Lunghezza 12 m
3 porte
Città: Napoli (CTP)
Classificazione: 100-102
Numero di esemplari: 3
-
Allestimento: AnsaldoBreda
Telaio: F 19
Equip. El.: Ansaldo
Avviamento ad inverter
Trazione bimodale
Tensione 750 V
Lunghezza 12 m
3 porte
Città: Napoli (ANM)
Classificazione: F9079-F9165
Numero di esemplari: 87
Foto: R. Saccone

Altre informazioni sui mezzi di questo tipo.....

Breda MenariniBus - F19
Tipologia: Bimodale (ha anche un motogeneratore diesel)
Lunghezza: 12 m
Numero di posti: 92
REFERENZE: Presente a Napoli nei parchi CTP ed ANM in 90 esemplari; 7 vetture ordinate a Nancy (Francia).
Foto: J. Torriero Irisbus - CRISTALIS
Tipologia: Bimodale (ha anche un motogeneratore diesel)
Lunghezza: 12 e 18 m
Numero di posti: 70-150
REFERENZE: Un centinaio di esemplari in consegna nelle città di Lione e Saint Etienne (Francia). Nella versione a guida ottica ("Civis") sono in consegna vetture per le reti di Rouen e Clermont Ferrand (Francia) e Las Vegas (USA), per un totale di 78 veicoli. Nella versione da 18 m a guida ottica è stato ordinato un lotto di 49 esemplari dall'ATC di Bologna, mentre nella versione normale risultano in corso di fornitura 11 vetture per l'ATM d Milano.
SKODA 24 Tr IRISBUS
Tipologia: Bimodale (ha anche un motogeneratore diesel)
Lunghezza: 12 m
http://www.skoda.cz/darkblue/produkty.asp?Q853A=C0J2P1T1K61S342ID5078
NOTE: Basato sul diffuso telaio Irisbus Agorà, il veicolo è stato presentato alla stampa nel corso del 2003.
SKODA 25Tr IRISBUS - Trollino
Tipologia: Bimodale (ha anche un motogeneratore diesel)
Lunghezza: 18,4 m
http://www.skoda.cz/darkblue/produkty.asp?Q853A=C0J2P1T1K61S342ID5219
NOTE: Basato sul diffuso telaio Irisbus Agorà, il veicolo è stato presentato alla stampa nel corso del 2003.
Solaris - Trollino
Lunghezza: 12 e 18 m
REFERENZE: 35 vetture da 18 m ordinate dall'ATAC-Trambus di Roma; 10 vetture da 12 m in consegna al CTP di Napoli.
VanHool - AG300
Tipologia: Bimodale (ha anche un motogeneratore diesel)
Lunghezza: 12 e 18 m
REFERENZE: 45 vetture in consegna in Austria.

E ancora altre soluzioni......

Link:
http://www.tbus.org.uk/news.htm
Link:
http://www.tbus.org.uk/home.htm
Link:
http://www.insideyorks.co.uk/tbus/
e ancora tanti altri filmati visibili in questi link:
Clamoroso! - Clamoroso! - Clamoroso! - Clamoroso!
In questo filmato si vede come addirittura nel 1980 in Brasile si sostituivano le vecchie carrozze della tramvia su rotaia con la  tramvia su gomma, peccato che il filmato sia muto, ma le immagini parlano da sole.
Link:
http://video.google.it/videoplay?docid=-8016600455783762727&q=ELECTRIC+TROLLEYBUSES

Autobus alimentati a celle di combustibile
Questa soluzione non ha nessun tipo di controindicazioni, (ecco forse il motivo per il quale non e' stata presa in considerazione). Carlo Rubbia (premio nobel) ha detto "Il futuro è l'idrogeno pulito e inesauribile".
A questo punto domando: "Vogliamo ancora continuare col petrolio?"
Gli autobus potrebbero essere quelli dell'intero parco veicolare ATAF circa 450 bus, sostituiti tutti nell'arco di 2/3 anni potrebbero essere una grossa commessa per l'azienda produttrice e contemporaneamente porterebbero Firenze all'avanguardia circa la soluzione del problema inquinamento dell'aria e acustico, infatti questi autobus sono silenziosissimi.

Primo autobus italiano a idrogeno
Torino: ecco il mezzo a emissioni zero

tratto da http://www.tgcom.mediaset.it/tgtech/articoli/articolo230182.shtml

Dopo cinque anni di test e progettazione, l'autobus a idrogeno è una realtà. Nato da un'idea della città di Torino e finanziato dal Ministero dell'Ambiente, lo speciale mezzo a "emissioni zero" è stato sviluppato da un'Associazione Temporanea di Imprese composta da Gtt (capofila), Irisbus, Sapio, Ansaldo Ricerche, Cva e Enea con il contributo della Regione Piemonte. Tecnicamente parlando, si tratta di un autobus per il trasporto pubblico modello Iveco Cityclass equipaggiato con uno speciale sistema di trazione elettrica alimentato da 9 serbatoi a idrogeno gassoso. L'autonomia di circolazione con un pieno è di 200 Km con un consumo di combustibile di circa 10 gr/km. La velocità massima invece è di 60 km/h. Lungo 12 metri e largo 2,5, l'autobus a idrogeno è dotato di accesso per disabili e ha una capacità passeggeri di 21 persone sedute, 1 in carrozzella e 51 in piedi. Approvato nel 1999, dopo 4.500 km di test su pista e 500 km sul pavè, il pulman ecologico ha ottenuto l'autorizzazione alla circolazione nel luglio 2004. Costata oltre un milione di euro, l'iniziativa è stata finanziata dal Ministero dell'ambiente e della Regione Piemonte. Nel corso dello sviluppo del progetto particolare attenzione è stata posta nel trattare, mediante studi e prove sperimentali, tutte le problematiche di sicurezza, per le quali al momento non esiste in Italia alcun supporto normativo. A questo proposito, l'esperienza torinese ha costituito un patrimonio indispensabile per tracciare i profili legislativi e omologativi degli autobus dotati della nuova tecnologia di trazione e, nel contempo, a gettare le basi per la futura produzione dei veicoli. Primo esemplare italiano a non produrre emissione nocive per l'ambiente e per l'uomo, lo speciale mezzo pubblico ecologico farà il suo esordio su strada sabato 20 novembre a Torino. All'evento, che prenderà il via alle ore 11 da Piazza Palazzo di Città, parteciperanno il Ministro dell'Ambiente, On. Altero Matteoli, e il Sindaco di Torino, On. Sergio Chiamparino.
...ed altri articoli ancora
Provatevi a leggere i seguenti articoli, penso che come me troverete assurdo continuare a parlare di Tramvia. Le nuove frontiere del servizio di trasporto pubblico vanno in altre direzioni. Possibile che sia cosi' difficile comprendere che questi progetti che vogliono per la nostra citta' sono vecchi, inadeguati e costosi? Quando avranno fatto danni incalcolabili ...chi paghera' il danno procurato? Dopo cosa ci racconteranno?

http://www.blogeko.info/index.php?cat=44

http://www.wwf.it/ambiente/earthpolicy/autoidrogeno.asp
http://www.ataf.net/IT_DNA_MUOVERSI.asp?F=&S=34526&C=13&L=IT&B=
http://www.christinasponza.it/christinasponza.it/speciale_nucleare/notizie_articoli/
2005_04_18-19_convegno_bologna/Articoli/SessioneII/Mura.pdf
http://www.busbusnet.com/public/membri/DarioVincini/
Materiale/GTT_Bus_ad_Idrogeno.pdf
http://www.comune.torino.it/gtt/gruppo/veicoli/idrogeno.shtml
http://www.rete.toscana.it/sett/pta/energia/idrogeno/pdf/novelli.pdf
http://www.ataf.net/DN@Files/metano/amici-della-terra_idrogeno.pdf
http://arianna.consiglioregionale.piemonte.it/base/progetti/rel7259a.html
http://www.quotidiano.net/motori/modules.php?name
=News&file=article&sid=665&mode=nested
Ma ci sono anche atri pareri contrari che riportiamo per correttezza....
http://www.martines.org/idrogeno.html
http://www.martines.org/idrogeno_manifesto.html
http://www.motorbox.com/Auto/Magazine/Tecnica/587.html?tbk=117911
... ma allora perche' puntare sull'idrogeno, come sostiene il Presidente della regione Toscana? Possibile che fanno di tutto per confonderci le idee?
http://www.presidente.regione.toscana.it/index.php?codice=17367
http://www.ecoblog.it/post/2861/toscana-il-primo-distretto-italiano-dellidrogeno
http://www.universonline.it/_scienza/articoli_nat/06_07_20_a.php

 

Metropolitana
Suppongo sia abbastanza inutile spiegare cos'e' una metropolitana, perche' tutti oramai lo sapete. Vorrei invece porre l'accento sugli aspetti positivi della metropolitana. Punto 1) Trasferisce nel sottosuolo sia l'utenza che ne usufruisce che i percorsi e tutti i mezzi di trasporto.
Punto 2) Non ha ripercussioni negative in superficie [ovviamente se costruita bene].
Punto 3) Naturalmente a causa del punto 1) diminuendo la quantita' di mezzi circolanti in superficie ne aumenta la fluidificazione del traffico cittadino, rendendolo sicuramente meno inquinante e dispendioso. Infatti come ben sapere sia i consumi che l'inquinamento e' maggiore dove esistono frequenti momenti dove il traffico e' incolonnato e viaggia a passo d'uomo.
Punto 4) Non ha vincoli legati alla struttura della morfologia cittadina e del sistema insediativo urbano. Punto 5) Utilizza guarda caso la stessa tipologia di mezzi utilizzati per la TRAMVIA e quindi ha le stesse caratteristiche legate ai consumi.
Chi si oppone al concetto di metopolitana si appella a diverse problematiche legate in certi casi a timori ancestrali, comincero' con l'ultima che ho sentito di recente:
a) Contrario perche' ci sono i resti archeologici degli Etruschi.
Citta' che hanno problemi analoghi se non maggiori e che hanno la metropolitana:
Roma (avendo per un patrimonio archeologico abbastanza unico)
b) Contrario perche' ci sono caverne sotto Firenze.
Napoli (e' famosa l'esistenza di una Napoli sotterranea)
c) Contrario perche' troppe infiltrazioni d'acqua
Citta' che hanno problemi analoghi se non maggiori e che hanno la metropolitana:
Napoli, Milano, Roma, New York, Berlino, Parigi, Amsterdam, Budapest, Rio di Janeiro, Torino, Tokyo, Vienna
d) Contrario perche' antieconomico
Citta' che hanno problemi analoghi se non maggiori e che hanno la metropolitana:
Tutte le citta' che hanno la Metropolitana evidentemente la pensano diversamente.
e) Contrario perche' zona sismica
Citta' che hanno problemi analoghi se non maggiori e che hanno la metropolitana:
Napoli, Roma, Lisbona, Tokyo
Ecco qui sotto un esempio di mistificazione della realta', l'insulto e l'ignoranza partorisce solo menzogne!
Vi invito a leggere quello che c'e' scritto in questo link contrario alla metropolitana e favorevole alla tramvia.
http://firenzeimmobile.blogspot.com/2007/11/la-trambufala-non-proprio-bufala-la-7.html
Se vi interessa sapere cosa c'e' sotto Firenze invece dei "laghi sotterranei" e "rocce durissime" come sostengono certi sostenitori della tramvia fiorentina, guardate qui sotto.

Neppure davanti alla realta' si fermano certi individui, il coraggio e l'incoscienza di chi mente sapendo di mentire.
cliccare sulle immagini a fianco e sottostanti per vedere in dettaglio le tipologie di sedimenti presenti sotto Firenze.
QuestI link vi presentano le linee metropolitane esistenti nel Mondo
http://www.urbanrail.net
http://www.dive3000.com/metro.htm
Di seguito vi presento l'unico progetto di fattibilita' per una metropolitana a Firenze sviluppato da "La Fondazione Progettare per Firenze", piu' in basso ci sono dei link dov'e' ampiamente presentato il progetto.
Il primo a pensare a un traffico urbano che potesse scorrere su più piani pare sia stato Leonardo da Vinci. (Forse qualcuno si sente migliore di lui)
Scarica il file.
......se vuoi saperne ancora di piu'.
http://www.europaconcorsi.com/db/rec/architecture.php?directory=../recm/images/rec/9312
http://www.europaconcorsi.com/db/rec/concorso.php?id=9312
http://www.polistampa.com/asp/sl.asp?id=3595
http://www.chiajastudio.it/nuova_pagina_21%20concorso.htm
http://www.micrometro.it/italian/corriere2.asp

 

Riflessioni finali
Lo studio di fattibilita' di questo progetto di Micro Metropolitana per Firenze e' stata bocciato ma una cosa e' certa la soluzione che attualmente portano avanti e' decisamente molto ma molto peggiore di qualsiasi altra soluzione prospettata in queste pagine. Anche altre soluzioni sono state bocciate, sia quelle testate da anni di utilizzo in altre citta' (Tramvia su gomma), sia quelle che ci avrebbero sicuramente e certamente resi all'avanguardia circa la questione del servizio di trasporto pubblico (Autobus a celle di combustibile). Tutti noi di questo comitato siamo favorevoli ad un modo logico e ragionato, di fare servizio di trasporto pubblico ecco perche' ci stiamo battendo per contrastare questo faraonico progetto che certamente non serve alla citta' intera. Cosi' com'e' questo progetto contribuira' ad aumentare l'inquinamento dell'aria e quello acustico, contribuira' a creare ingorghi paurosi sia dove attualmente il traffico e' sostenuto e quasi paralizzato come pure in quelle zone dove il traffico e' attualmente limitato e che necessariamente andra' intensificandosi. Non dimentichiamoci in chiusura tutti i danni procurati alle attivita' lavorative, i danni d'immagine che procurera' alla citta' di Firenze e gli incalcolabili danni al patrimonio immobiliare privato e pubblico. Intere zone della citta' sono gia' state deprezzate nel valore degli immobili (a questo proposito "qualcuno" fa circolare vessatorie affermazioni circa la rivalutazione degli immobili prossimi alla Tramvia, e' esattamente il contrario. Stanno facendo di tutto per indurci a pensare il contrario della realta', ma la verita' e' una sola e ben diversa). E' questo il servizio che ci vogliono imporre? Penso proprio che i cittadini di questa citta' possono fare a meno di quello che "loro" vogliono imporci!


.. Un blog per dire la
vostra sulla tramvia ..

Ci sono 1 persone collegate

Cerca per parola chiave